Home » Atti Comunicati Stampa e note tecniche » 23/09/2011

Comunicato Stampa. Il Colari risponde a Il Messaggero

                                                                      COMUNICATO STAMPA

In data odierna è apparso sul Messaggero un articolo a firma di Giulio De Santis che dà notizia della morte di quattro persone per tumore cercando di creare un legame tra questi eventi luttuosi e presunte esalazioni presenti nel sito di Malagrotta. L’articolo dà altresì notizia dell’esistenza di un indagine della Procura di Roma.

In ordine a tali fatti COLARI (gestore del gassificatore) ed E. GIOVI srl (gestore della discarica) precisano che:

 - come provato anche da numerose consulenze tecniche e verificazioni, la discarica non produce alcun inquinamento delle falde, né produce esalazioni dannose per la salute umana;

 - presso la discarica è attiva in maniera continuativa una centralina di rilevamento dei possibili inquinanti ed il confronto con i dati delle altre dodici centraline strategicamente collocate sul territorio comunale dimostra che il sito di Malagrotta è tra quelli che registrano i valori più bassi di Roma;

 - le emissioni del gassificatore sono costantemente monitorate ed i relativi dati (con comportamento assolutamente trasparente e responsabile) sono diffusi in tempo reale su apposito sito web;

 - i dati di emissione del gassificatore certificano valori di emissione che risultano di gran lunga inferiori ai limiti di legge europei, nazionali e regionali e che sono da tutti riconosciuti di assoluta eccellenza.

Ciò esclude categoricamente qualsiasi collegamento tra gli eventi riportati da Il Messaggero e il sito di Malagrotta.

Il COLARI e la società E. GIOVI hanno pertanto conferito mandato ai propri legali di perseguire l’articolista, il direttore del giornale e quanti altri risulteranno responsabili della propalazione di notizie false ed allarmanti.

 

 

 

Il Presidente del Colari

                                                                                                   Manlio Cerroni

 

Roma,23 settembre 2011